Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
Corso di Laurea Magistrale Geografia, gestione del territorio, beni culturali per la cooperazione internazionale

Presentazione del corso

Brochure di presentazione del corso

 

Obiettivi formativi

Il corso forma esperti altamente qualificati nell’analisi, nella progettazione e nella gestione del territorio in grado di operare nel mercato del lavoro italiano e internazionale, e in particolare nel campo della cooperazione allo sviluppo. In ragione della proiezione internazionale il corso viene offerto in inglese; gli insegnamenti obbligatori sono tuttavia fruibili anche in italiano.

Obiettivo specifico del corso è quello di fornire competenze teoriche e metodologiche avanzate per comprendere e intervenire sui processi fisici, economici, sociali e culturali, che più direttamente - a diverse scale - incidono sull'organizzazione del territorio. Attenzione particolare è dedicata a temi quali l’analisi e la gestione del patrimonio culturale tangibile e intangibile, i piani e i progetti integrati di sviluppo territoriale, i piani di sviluppo turistico sostenibile, i GIS, Remote Sensing e Big data.

L’insieme delle attività formative è inquadrato in una visione scientifica e culturale di respiro internazionale con ampi riferimenti ad ambiti extra-europei. Il corso offre molteplici opportunità di confronto con progetti di cooperazione in contesti quali l’Afghanistan, l’Armenia, la Giordania, il Myanmar, nonché occasioni per esperienze di collaborazione con organismi, enti territoriali e associazioni in Toscana e in Italia. La prospettiva internazionale del corso è arricchita dalla integrazione nell’offerta didattica di corsi tenuti da visiting professor di riconosciuta fama internazionale.

Il corso è incardinato nel Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo (SAGAS), selezionato nel 2018 dal Ministero per l’Istruzione e la Ricerca Universitaria(MIUR) come dipartimento di eccellenza, ed offre annualmente borse di studio per studenti stranieri o provenienti da fuori regione Toscana. Per gli studenti più meritevoli è prevista annualmente l’erogazione di premi economici e l’opportunità di partecipare allo speciale Percorso di alta formazione interdisciplinare previsto dal Programma di Eccellenza. Sono inoltre promosse esperienze utili all’ingresso nel mondo del lavoro, tra cui stage e tirocini. L’offerta didattica viene erogata in stretto rapporto con i due Laboratori che hanno sede presso il Dipartimento: il Laboratorio di Geografia Sociale – LaGeS (www.lages.eu) e il Laboratorio di Geografia Applicata – LabGeo (www.geografia-applicata.it).

Il corso è infine inserito nel Programma di Alta Formazione prevista dal Partenariato per la Conoscenza dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS).

 

Profili professionali

Il laureato in questo CdS dispone di un bagaglio di competenze tecniche e della competenza linguistica necessarie per operare in un’ampia serie di funzioni, tra cui:

  • analista presso centri studi e di ricerca pubblici e privati nell’ambito degli studi urbani e territoriali
  • operatore presso istituzioni pubbliche governative e locali nei settori della progettazione e gestione del territorio e delle risorse ambientali e culturali, in Italia e all’estero
  • operatore presso agenzie internazionali e organizzazioni non governative (ONG) specializzate nel campo della cooperazione internazionale
  • analista presso istituti e società specializzati nel trattamento e nell’interpretazione dell’informa-zione geografica e cartografica
  • collaboratore nel campo dell’editoria geografica multimediale e attività di diffusione dell'informa-zione ambientale e turistica

Il laureato avrà inoltre la possibilità di accedere in Italia alle prove di ammissione per i percorsi di formazione per l’insegnamento nella scuola secondaria.

 

Requisiti di accesso

Requisiti minimi per l'accesso al Corso di studio sono:

- la laurea triennale conseguita secondo l'ordinamento ex DM 270/2004 (oppure ex DM 509/1999 equiparate ai sensi del DI 9 luglio 2009)

- la padronanza dell'inglese, dimostrabile dal possesso di attestato di conoscenza di livello B2 o superiore, ovvero da colloquio individuale.

Per quanto riguarda lo specifico titolo di studio posseduto, sono considerati in possesso dei requisiti curriculari richiesti per l’accesso: i laureati triennali delle classi L6-Geografia, nonché delle corrispondenti classi 30-Scienze geografiche ex 509. Sono inoltre ammessi e i laureati quadriennali delle lauree in Geografia V.O, nonché di lauree V.O. di altro genere, purché a indirizzo geografico.

Sono altresì ammessi al Corso di studio i candidati di altre classi in possesso di 42 CFU complessivi, come di seguito specificati:

12 CFU in M-GGR/01 e/o M-GGR/02

30 CFU acquisiti nella misura di almeno 6 in ciascuno dei due gruppi seguenti:

  • Gruppo A): BIO/07, GEO/04, ICAR/06, ICAR/15, ICAR/18, ICAR/20, ICAR/21, L-ANT/07, L-ANT/08, M-DEA/01, M-STO/01, M-STO/02
  • Gruppo B): M-STO/04, SECS-P/01, SECS-P/12, SECS-S/01, SECS-S/04, SECS-S/05, SPS/06, SPS/07, SPS/09, SPS/10.

Lo studente candidato all'iscrizione al presente Corso di studio dovrà quindi possedere cognizioni di base, e capacità di orientamento critico, nel sapere geografico.

Gli studenti in possesso dei requisiti curriculari saranno indirizzati ad un colloquio che ne verifichi la personale preparazione

Sono infine ammessi al Corso di studio i candidati in possesso di titolo estero riconosciuto valido secondo la vigente normativa d'Ateneo, e attestante il possesso di un numero sufficiente di CFU corrispondenti a quelli sopra elencati.

Nel caso di titolo estero in cui il possesso dei requisiti non sia direttamente deducibile dal numero e qualità di CFU acquisiti, il curriculum del candidato verrà affidato alla valutazione analitica da parte di una Commissione appositamente nominata, nonché a colloqui con l'interessato, condotti anche in via telematica.

Articolazione del CdS

La durata normale del Corso è di due anni. Per conseguire il titolo di studio lo studente deve acquisire 120 CFU. L'attività normale dello studente corrisponde al conseguimento di 60 CFU all'anno. Lo studente che abbia comunque conseguito 120 CFU adempiendo a tutto quanto previsto dalla struttura didattica può conseguire il titolo anche prima della scadenza normale.

Il Corso di Laurea è monocurriculare e risponde all’obiettivo di provvedere ad una formazione specialistica nei vari ambiti disciplinari che lo caratterizzano. Al conseguimento di questo obiettivo sono finalizzati insegnamenti nei settori scientifico disciplinari fondanti M-GGR/01 e M-GGR/02 ed ICAR/20 e ICAR/21, cui è riservato un numero significativo di CFU.

A tali insegnamenti si affiancano, tra i corsi caratterizzanti, quelli afferenti al settore  ICAR/06, per la formazione di specifiche competenze in campo geomatico, e M-DEA/01, per l’approfondimento della dimensione culturale dei processi territoriali. Sono inoltre previsti 12 CFU a scelta dello studente.

Articolazione insegnamenti

Le modalità di erogazione degli insegnamenti compresi nel percorso formativo consistono in lezioni frontali ovvero in attività seminariali e laboratoriali. I laboratori costituiscono opportunità di approfondimento e sperimentazione di quanto appreso nei corsi al fine di acquisire conoscenze, competenze e abilità capaci di aprire al mondo del lavoro. 

Modalità di frequenza

Obbligatoria

Esami di profitto

Durante tutto il percorso universitario le conoscenze apprese dallo studente verranno verificate attraverso esami di profitto scritti e orali. Le modalità di verifica delle altre esperienze utili all’inserimento nel mondo del lavoro (fra cui in primo luogo quelle di stage e tirocinio) sono affidate a una relazione finale sottoscritta dallo studente, dal delegato del Corso di studio e dal responsabile dell’Ente o Istituzione coinvolti, e approvata dal Consiglio del Corso di studio.

Prova finale di laurea

Alla prova finale per il conseguimento del titolo vengono attribuiti 24 crediti. La prova consisterà nella predisposizione – con la guida di un relatore - di un elaborato scritto originale, e nella sua discussione di fronte ad una Commissione appositamente nominata. La prova finale attesterà la conoscenza teorica, metodologica ed eventualmente empirica, nonché la capacità di trattazione approfondita, di aspetti particolarmente rilevanti dei fenomeni investigati nel corso della preparazione di essa. Il laureando dimostrerà nella prova finale la propria capacità di definire ipotesi di lavoro, in misura tale da consentire una verifica di esse; la conoscenza della letteratura pertinente e la capacità di metterla in relazione con le ipotesi formulate; la capacità di formulare conclusioni coerenti con le ipotesi di lavoro e con la documentazione utilizzata.

Servizi di tutorato

Il Corso di studio attiva servizi di tutorato, con funzioni di sostegno e di guida durante la fase di accesso dei nuovi iscritti e durante l'intero percorso formativo, per l'orientamento nella formulazione dei piani di studio, per le attività di laboratorio, per la mobilità internazionale, per la scelta di stage e tirocini, mediante i delegati alle rispettive funzioni.

 

 
ultimo aggiornamento: 28-Ott-2019
UniFI Scuola di Studi Umanistici e della Formazione Home Page

Inizio pagina